Iscriviti alla newsletter

Covid-19. Loris Bazzo, l'Infermiere-Sindaco di Carlino (UD): In questo modo ho blindato il paese

La Redazionedi
La Redazione
Pubblicato il: 02/04/2020 vai ai commenti

CoronavirusFriuli Venezia GiuliaRegioni

Concretezza, collaborazione e comunità. Le ricette di Loris Bazzo, il sindaco-infermiere in prima linea contro il Covid-19, per la sicurezza dei carlinesi.

Grazie all’esperienza maturata come operatore per oltre vent’anni del 118 prima e oggi come infermiere del Pronto soccorso di Latisana, il primo cittadino ha saputo affrontare il coronavirus con concretezza.

È questo il principio che ispira le azioni della sua amministrazione contro il contagio, che carlino è riuscito fino ad ora a tenere fuori dalla porta. In questi giorni di frenesia e incertezza il Comune si è mosso con pragmatismo, mettendo in campo tutte le professionalità e competenze disponibili attraverso interventi mirati a tutela della salute pubblica. "A Carlino – racconta Bazzo – abbiamo arginato sin dal principio il rischio di contagio con il recepimento dei decreti e le ordinanze sindacali, con il risultato che ad oggi, incrociando le dita, la nostra comunità risulta essere indenne. Ma è una condizione che si regge su un equilibrio fragilissimo. L’efficacia delle azioni messe in campo dipendono dalla cittadinanza, che fino ad ora le ha seguite e rispettate correttamente e alla quale ribadisco l’invito a continuare. Per contrastare il coronavirus e non rendere vano l’operato di medici e infermieri è fondamentale costruire e mantenere un’alleanza forte e leale tra cittadini e istituzioni".
Due le “parole chiave” del suo operato: "Accanto alla concretezza – spiega -, che caratterizza l’azione del Comune e la sua efficacia nel fronteggiare questa situazione, ci sono collaborazione e comunità. La prima è la sinergia tra servizi sociali, associazione Anteas e Protezione civile comunale, grazie alla quale è stato istituito il servizio di consegna di generi alimentari e farmaci a domicilio a garanzia della salute delle persone anziane e più fragili. La seconda riguarda il senso civico e quello spirito di solidarietà che i miei concittadini stanno manifestando, con il rispetto delle regole e con l’impegno del volontariato locale".

Tra le iniziative avviate anche il servizio di messaggistica “Carlino Informa”, che aggiorna i cittadini sui servizi offerti dal Comune e lo sportello di aiuto psicologico, gestito dai volontari della Cri, "grazie al prezioso contributo del presidente della Cri di Palmanova, Denis Raimondi". Un pensiero, poi, va ai colleghi impegnati in prima linea: "A tutti loro vanno il mio affetto e la mia incondizionata stima"

Fonte: MessaggeroVeneto.it