Iscriviti alla newsletter

7 notti consecutive, contrae il virus e va in congedo. All’infermiera negato il bonus Covid

La Redazionedi
La Redazione
Pubblicato il: 07/08/2020 vai ai commenti

EsteroGlobal Nurse

Québec. Aveva lasciato il Québec per andare come volontaria ad aiutare Montreal nel momento culmine dell’infezione da Coronavirus, ma al suo ritorno,  una volta contratto il virus, per la dovuta assenza, non le è stato pagato il Bonus Covid.

Dopo aver lavorato di notte per sette giorni consecutivi al ritmo di 12 ore per turno nella zona rossa di Montreal lei e i suoi colleghi sono tornati in Quebec il 12 maggio, due giorni dopo l'entrata in vigore dei "bonus COVID.

Il giorno dopo [il mio ritorno], sono andata in unsa clinica per un esame. Altrimenti non mi sarebbe stato  permesso tornare a lavorare. Quello stesso giorno, mi è stato detto che il mio test è stato positivo ", ha detto l'infermiera.

Il risultato: un congedo forzato di 20 giorni e sintomi, che alla fine sono comparsi, fino a dover ricorrere al pronto soccorso. Di oltre un centinaio di volontari IUCPQ, circa una mezza dozzina ha ricevuto una diagnosi identica, secondo l'Unione Interprofessional Health locale (SIS-IUCPQ).

La quarantena forzata, non ha permesso di percepire a lei come ad altri volontari che si sono infettati di percepire il Bonus Covid.

Il decreto ministeriale del 10 maggio è definitivo: "Dal momento in cui un'assenza interrompe la sequenza del lavoro consecutivo, qualunque sia la ragione", il professionista non ha diritto al suo bonus,  afferma indignato il vicepresidente di il FIQ, Nathalie Lévesque.

L'infermiera è stata messa in congedo per malattia, congedo in forma dovuta, e per questo gli è stato  rifiutato un bonus di poche centinaia di dollari.

"Non sono molti soldi, ma è giusto che venga rertribuita", afferma Sébastien Bouchard, presidente del SIS-IUCPQ. È venuta per aiutare. Ma alla fine, non ne ha ricavato altro che contrarre il COVID. "

 

Marialuisa Asta

 

Journal de Quebec

© RIPRODUZIONE RISERVATA