Iscriviti alla newsletter

Numero maggiore di infermieri associato a minore tasso mortalità da Covid. Lo studio su The Lancet

Maria Luisa Astadi
Maria Luisa Asta
Pubblicato il: 07/08/2020 vai ai commenti

CoronavirusProfessione e lavoroStudi e analisi

Quali fattori hanno maggiormente pesato sul dilagare dell’infezione da Coronavirus e quali hanno ridotto o aumentato la mortalità della popolazione?

Lo studio condotto dall’Università di Toronto, sui 50 Paesi maggiormente colpiti dall’infezione di Coronavirus, e pubblicato su The Lancet, ha avuto come obbiettivo quello di valutare l'impatto della tempistica e il tipo di politica sanitaria nazionale e azioni intraprese dai Governi per ridurre la mortalità da COVID-19.

La grave sindrome respiratoria acuta coronavirus 2 (SARS-CoV-2), che causa la malattia di coronavirus 2019 (COVID-19), è stata dichiarata pandemia globale l'11 marzo 2020 dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), colpendo oltre 100 paesi che si sonon differiti in modo significativo nei loro approcci individuali nella gestione della pandemia.

Non essendoci ancora un vaccino disponibile, né un’immunità di gregge, è indispensabile una strategia basata sull'evidenza per aiutare i governi e i sistemi sanitari in tutto il mondo. Mentre le politiche di sanità pubblica per limitare l'esposizione e gestire il rischio demografico rimangono in vigore in molte giurisdizioni, i governi continuano a pianificare un ritorno alla vita economica e sociale. È fondamentale comprendere i fattori a livello nazionale associati a un rischio di più elevato di infezione diffusa, gravità della malattia e mortalità.

Misure come l'individuazione e l'isolamento di individui infetti, la ricerca dei contatti, misure di quarantena, distanziamento fisico e chiusura di attività non essenziali sono diventate le componenti principali dell'orientamento sanitario pubblico, con l'obiettivo di ridurre la diffusione di ulteriori infezioni e prevenire il sistema sanitario ceppo. Sebbene le misure di contenimento attuate in paesi come Cina, Corea del Sud e Taiwan abbiano ridotto i nuovi casi di oltre il 90%, questo non è stato il caso di molti altri paesi come Italia, Spagna e Stati Uniti. Questo motivato dal fatto che ai tempi di attuazione delle misure di sanità pubblica, possono contribuire a diffusione e mortalità, le caratteristiche socioeconomiche preesistenti del paese, la capacità sanitaria di base e altre caratteristiche della popolazione legate alla salute (ad es. Prevalenza del fumo, tasso di obesità e salute globale indici).

In questa analisi esplorativa, l’obiettivo è di esaminare gli interventi di salute pubblica specifici del Paese per contenere la diffusione del virus. Conoscere gli interventi più efficaci nel contenere i casi di COVID-19 e ridurre la mortalità complessiva può aiutare i responsabili delle politiche sanitarie nelle decisioni di allocazione delle risorse, fornire prove sull'efficacia delle misure di salute della popolazione e aiutare i paesi con disparità geografiche interne nella mitigazione del rischio con una pianificazione delle risorse più informata.

Risultati

L’aumento dei casi di COVID-19 è stato associato a paesi con maggiore numero di obesi,  età media della popolazione alta e tempo più lungo di decisione per la chiusura delle frontiere dal primo caso segnalato. L'aumento della mortalità era significativamente associato con una maggiore prevalenza di obesità e prodotto interno lordo pro capite.

Le variabili che erano negativamente associate all'aumento della mortalità per COVID-19 erano una ridotta dispersione del reddito all'interno della nazione, la prevalenza del fumo e il numero di infermieri per milione di abitanti, più infermieri all'interno di un determinato sistema sanitario era associata a mortalità ridotta.

Rapide chiusure di frontiera, blocchi completi e test ad ampio raggio non erano associati alla mortalità COVID-19. Tuttavia, blocchi completi (RR = 2,47: IC 95%: 1,08 5,64) e riduzione della vulnerabilità del paese alle minacce biologiche (ovvero punteggi elevati sulla scala di sicurezza sanitaria globale per l'ambiente a rischio) erano significativamente associati ad un aumento dei tassi di recupero dei pazienti.

 

Marialuisa Asta

 

Da: The Lancet

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA