Iscriviti alla newsletter

Infermieri. Dal disturbo d’ansia al suicidio. Ecco quali eventi scatenano il PTSD

Maria Luisa Astadi
Maria Luisa Asta
Pubblicato il: 09/09/2020 vai ai commenti

EsteroGlobal NurseProfessione e lavoroStudi e analisi

Un sondaggio condotto dalla Canadian Federation of Nurses Unions ha rilevato che il 20% degli infermieri soffre di disturbo da stress post-traumatico.

Lo stress post traumatico

Gli infermieri rispondono a situazioni di stress elevato come parte integrante del loro lavoro. Alcune delle situazioni di stress elevato possono verificarsi ed a lungo andare cumulandosi, possono indebolire le capacità degli infermieri di farvi fronte.

Ci sono prove che l'esposizione a eventi traumatici possano essere collegati a disturbi di salute mentale compatibili con PTSD (stress post-traumatico), depressione, ansia generalizzata, disturbo di panico e disturbo da uso di alcol, fino al suicidio.

Lo studio condotto dalla Canadian Federation of Nurses Unions ha identificato i tassi di prevalenza delle lesioni da stress post-traumatico (PTSI), ovvero disturbo depressivo maggiore, disturbo d'ansia generale, disturbo di panico e disturbo da uso di alcol, i potenziali fattori di rischio, le risposte degli infermieri ai PTSI ed i vari interventi intrapresi tra cui formazione sulla salute mentale e l’attitudine a ricercare aiuto.

 

Il sondaggio è stato condotto somministrando un questionario ad un campione di 7.358 infermieri, dei quali la maggior parte operanti negli ospedali, di sesso femminile, con almeno 10 anni di carriera, con impiego a tempo pieno e di età media di 42 anni.

 

Risultati

I traumi più frequenti causa di stress post traumatico sono:

  • aggressione fisica (92,7%);
  • Morte di un individuo dopo sforzi straordinari per salvargli la vita (88,9%);
  • Morte di qualcuno che ha ricordato amici o familiari (86,0%).

 

Conseguenze del trauma:

  • Stress post traumatico (PTSD) (23,0%);
  • Disturbo depressivo maggiore (MDD) (36,4%);
  • Disturbo d'Ansia Generalizzata (GAD) (26,1%);
  • Disturbo di panico (PD) (20,3%)
  • Comportamento suicidario (per tutta la vita): ideazione suicidaria (33,0); Piani (17,0%); Tentativi (8,0%).

 

Fonti di stress maggiori sono:

  • personale insufficiente per coprire adeguatamente l'unità (49,8%);
  • Personale e programmazione imprevedibili (45,9%)
  • Il personale socio sanitario insufficiente per soddisfare le esigenze dei pazienti (83,4%).

 

Disturbi mentali in relazione agli anni di carriera lavorativa

Gli infermieri con più di dieci anni di lavoro hanno riportato i più alti tassi di screening positivi per PTSD, MDD e PD.
Gli infermieri all'inizio della carriera (cioè 1-5 anni) hanno riportato i tassi più alti di schermi positivi per disturbo d’ansia generalizzata.

L'ideazione suicidaria (una vita e prevalenza nell'ultimo anno) e la pianificazione suicida (tutta la vita e nell'ultimo anno) erano più comuni negli infermieri con meno esperienza lavorativa.

Strategie di supporto:

  • Aumentare il livello di supporto che gli infermieri ricevono a seguito di un incidente critico;
  • migliorare le strategie di coping per la salute degli infermieri regolarmente durante la carriera degli infermieri;
  • includere formazione sia formale che informale e programmi di "formazione del formatore";
  • fornire un accesso immediato agli strumenti di screening per aiutare a educare gli infermieri sui primi segni di disturbi di salute mentale;
  • offrire programmi di formazione incentrati sulla riduzione dello stigma e sui primi segni di disturbi della salute mentale in tutta l'organizzazione, compresi i dirigenti e tutti i dipendenti;
  • intraprendere una valutazione del rischio psicosociale dell'ambiente di lavoro utilizzando strumenti convalidati;
  • mettere in atto politiche che affrontino la carenza di personale e il mix di personale inappropriato;
  • garantire che le valutazioni del rischio di violenza sul posto di lavoro siano eseguite regolarmente e che siano in atto programmi di prevenzione, insieme alla sicurezza, alle procedure per la segnalazione di incidenti e alle indagini.

 

Con la speranza di sensibilizzare gli infermieri sul disturbo da stress post-traumatico, l'Ontario Nurses 'Association Local 8 ha collaborato con Helios Films per produrre un cortometraggio intitolato No Room to Grieve, che mostra l'impatto a lungo termine del trauma quotidiano vissuto dagli infermieri e dagli altri professionisti sanitari durante il lavoro, che potrete trovare oggi in anteprima a questo indirizzo: https://vimeo.com/451206540

Susan Sommerdyk, coordinatrice di ONA racconta come il progetto mostri l'impatto a lungo termine del trauma quotidiano sperimentato dagli infermieri.
"Siamo esposti a eventi molto traumatici che a volte ci lasciano bisognosi di aiuto", dice. "Siamo eroi ma siamo umani."

 

Da: MENTAL DISORDER SYMPTOMSAMONG NURSES IN CANADAAndrea M. Stelnicki, PhD, R. Nicholas Carleton, PhD, Carol Reichert, MA

Canadan Federation of nurses union

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA