Iscriviti alla newsletter

Le mascherine riducono la funzionalità respiratoria? Lo studio

Maria Luisa Astadi
Maria Luisa Asta
Pubblicato il: 18/09/2020 vai ai commenti

Professione e lavoroStudi e analisi

Gli operatori sanitari e la popolazione in generale devono essere in grado di indossare un respiratore senza che questo causi loro danni fisici, specie in presenza di malattie polmonari o cardiache.

Ma quanto influiscono le mascherine sulla funzionalità respiratoria?

 

Lo scoppio della nuova malattia da Coronavirus (COVID-19) è diventato una pandemia e l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha annunciato il più alto livello di malattia infettiva.

La guida internazionale suggerisce come la trasmissione avvenga attraverso goccioline dirette e trasportate dall'aria a causa di processi che generano aerosol come parlare, tossire e starnutire.

Centers for Disease Control and Prevention (CDC),  National Institute for Occupational Safety and Health (NIOSH), Occupational Safety and Health Administration (OSHA) e Food and Drug Administration (FDA) sostengono che l’unico modo per prevenire la trasmissione del Covid-19 sia utilizzare una combinazione di interventi come il lavaggio delle mani, l'allontanamento sociale, il cambio d'aria e l’usi dei dispositivi di protezione respiratoria.
In relazione a questi ultimi, la raccomandazione riguarda non solo gli operatori sanitari ma la popolazione generale in generale, nei luoghi pubblici, soprattutto dove le distanze sociali sono difficili da applicare.
In generale, lo scopo di un RPD è prevenire l'inalazione di sostanze nocive nell'aria o di fornire una fonte di aria respirabile quando si respira in atmosfere carenti di ossigeno. Gli RPD vengono utilizzati durante l'epidemia di COVID-19 sia per limitare la possibile inalazione di agenti infettivi sia per ridurre il rischio di trasmissione dovuto all'emissione di goccioline.

Nell’indossare un respiratore bisogna considerare che lo stesso possa peggiorare l'affaticamento dei muscoli respiratori quando il soggetto che indossa  è affetto da ostruzione cronica delle vie aeree, asma, malattie polmonari interstiziali, nonché da malattie cardiache clinicamente significative.
Indossare una maschera respiratoria aumenta il volume dello spazio morto, che può aumentare la profondità e la frequenza della respirazione.

Alcuni studi clinici hanno dimostrato che una maggiore resistenza e un aumento dello spazio morto possono portare a una riduzione molto lieve della prestazione massima di lavoro di circa il 10%.
Diversamente uno studio condotto da Lucero e coll. (18) sul personale militare che indossa una maschera protettiva militare standard M40 ha mostrato come il personale militare con broncospasmo indotto dall'esercizio che si è esercitato con la maschera protettiva M40 non presentava nel complesso un'iperreattività delle vie aeree significativamente aumentata rispetto ai soggetti di controllo.
In letteratura sono presenti pochi studi riguardanti la valutazione della funzione respiratoria in pazienti con patologie respiratorie durante l'uso della maschera chirurgica o del facciale filtrante classe 2 o 3 (FFP2, FFP3) analoghi ai Respiratori N95 e N99, con o senza valvola.


Roberge e coll. (25) hanno valutato l'impatto fisiologico dell'FFR N95 su dieci operatori sanitari sani. Gli autori hanno monitorato la frequenza cardiaca, la frequenza respiratoria, il volume corrente, il volume minuto, la saturazione dell'ossigeno nel sangue e la pCO2 misurata transcutanea. Ogni soggetto ha condotto più sessioni di camminata su tapis roulant di 1 ora, a 1,7 miglia / he 2,5 miglia / h, indossando FFR con valvola di espirazione, FFR senza valvola di espirazione e senza FFR (sessione di controllo). Non c'erano differenze significative tra i gruppi FFR e il controllo nelle variabili fisiologiche, nei punteggi dello sforzo o nei punteggi di comfort.
Durante epidemie infettive su larga scala, i respiratori facciali filtranti, come le maschere N95, potrebbero scarseggiare. La scarsità di DPI si è verificata, ai nostri giorni, anche durante l'epidemia di COVID 19. Per questo motivo, alcuni autori hanno suggerito di estendere la vita utile delle maschere N95 utilizzando una maschera chirurgica come barriera esterna. Ad esempio, Roberge e coll. (26) hanno valutato l'impatto fisiologico di questa barriera aggiuntiva. Non hanno trovato differenze significative nelle variabili fisiologiche tra coloro che hanno utilizzato maschere chirurgiche oltre a N95 e controlli. Le maschere chirurgiche aggiunte hanno ridotto le concentrazioni di ossigeno nello spazio morto dei respiratori facciali filtranti alla velocità di lavoro minore (P = 0,03) e per i respiratori facciali filtranti con una valvola di espirazione alla velocità di lavoro più alta (P = 0,003).
Anche la tolleranza soggettiva all'uso del respiratore al di fuori dei tradizionali ambienti industriali è stata valutata in soggetti con lieve compromissione respiratoria (13). I risultati dello studio hanno mostrato che i respiratori a mezza maschera hanno in genere un impatto negativo più significativo rispetto alla maschera N95 e hanno suggerito che quest'ultimo utilizzo può essere fattibile su base diffusa se necessario, a fronte di preoccupazioni epidemiche.
Per quanto riguarda le mascherine chirurgiche, ancora Roberge e coll. hanno scoperto che l'uso della maschera chirurgica per 1 ora a un ritmo di lavoro basso-moderato, in soggetti sani, non era associato a un impatto fisiologico clinicamente significativo o a percezioni soggettive significative dello sforzo o del calore.
L'effetto dell'utilizzo di una maschera chirurgica, indicata per ridurre al minimo il rischio di infezioni crociate in pazienti con malattie polmonari, è stato studiato da Person e coll. durante l'esecuzione di un test del cammino di sei minuti. I risultati suggeriscono che indossare una mascherina chirurgica modifica in modo significativo la dispnea clinica senza influenzare la distanza percorsa.
Un altro studio ha valutato l'influenza delle maschere chirurgiche sulla saturazione dell'ossigeno transcutaneo. Gli autori hanno osservato una leggera diminuzione della saturazione solo nel procedimento chirurgico della durata di 60 minuti o più. Gli autori hanno concluso che la piccola diminuzione della saturazione potrebbe essere dovuta alla maschera facciale o allo stress operativo.
In letteratura sono presenti pochissimi studi sulla compromissione respiratoria in soggetti sani così come in soggetti che soffrono di condizioni respiratorie ostruttive durante l'uso di mascherine chirurgiche. Una preoccupazione particolare è che gli RPD potrebbero portare a disturbi respiratori o ad una esacerbazione acuta dell'asma.

E’ stato condotto uno studio sperimentale, pubblicato sulla rivista Medicina del Lavoro, su un gruppo di dieci soggetti, tre dei quali affetti da asma per valutare l'impatto degli RPD sulla funzione respiratoria in soggetti sani e asmatici.

 

Metodo

Sono stati inclusi dieci soggetti, tre dei quali affetti da asma e tre attualmente fumatori, sono stati eseguiti test di funzionalità respiratoria (RFT) sono stati eseguiti tre volte: all’inizio del turno di lavoro con e senza indossare una maschera chirurgica, e con la maschera dopo 4 ore di normali attività lavorative. Un’emogasanalisi (EGA) è stata effettuata prima del primo e del terzo test.

Risultati

I parametri di RFT e EGA osservati non hanno subito variazioni significative, eccetto per la ventilazione volontaria massima (P = 0,002). I dati dei soggetti asmatici e fumatori sono paragonabili a quelli dei soggetti sani. I risultati suggeriscono che indossare una maschera chirurgica non produce una compromissione respiratoria significativa in soggetti sani né in soggetti con asma o fumatori. Quattro ore di uso della maschera non causano una riduzione dei parametri respiratori.

 

Da Medicina del Lavoro:

Impact of Respiratory Protective Devices on respiratory function in view of an extended use during COVID-19 outbreak

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA